Dal 2001 l'Unione Europea, attraverso la creazione dell'Advisor Council for Aeronautics in Europe (ACARE), ha chiesto al settore dei trasporti aerei di impegnarsi a ridurre le emissioni (acustiche e chimiche) ed i consumi di carburante, per garantire una maggiore tutela dell'ambiente.

Sono state tracciate le linee guida e stabiliti gli obiettivi di medio e lungo periodo all'interno della Strategic Research Agenda (SRA-1 nel 2001 e la versione aggiornata SRA-2 nel 2004).

 

 

Per ridurre le emissioni si è reso necessario un ripensamento della gestione del traffico aereo e, soprattutto, della progettazione dei motori e dei velivoli. Ciò rappresenta una sfida tecnica molto complessa che richiede lunghi tempi per svolgere le necessarie attività di ricerca e sviluppo.

Per agevolare lo sforzo richiesto alle aziende del settore è stata creata, nel 2008, la Clean Sky Joint Technology Initiative (CSJTI), la più grande partnership pubblico-privata tra la Commissione Europea e il settore industriale, per rendere economicamente sostenibile l'innovazione tecnologica necessaria a garantire una significativa riduzione dell'impatto ambientale del trasporto aereo. Per raggiungere questo risultato le nuove tecnologie devono essere contemporaneamente sviluppate, integrate e validate all'interno di un programma di ricerca ed innovazione, cioè il Clean Sky, che applichi un approccio consistente, coerente ed olistico all'organizzazione di tutte attività. 

Le aree di lavoro sono organizzate in 6 Integrated Technology Demonstrators (ITDs) che coprono tutte le attività di R&T

  1. SMART Fixed Wing Aircraft - SFWA
  2. Green Regional Aircraft - GRA
  3. Green Rotorcraft - GRC
  4. Sustainable and Green Engines - SAGE
  5. Systems for Green Operations - SGO
  6. Eco-Design - ECO   

A questi si aggiunge un elemento di garanzia, il Technology Evaluator, per predire il reale impatto locale e globale delle tecnologie sviluppate

Grazie ai finanziamenti basati sul VII Programma Quadro la CSJTI pubblica inviti a presentare proposte di progetti di ricerca e sviluppo e seleziona i propri partner a cui affida compiti molto specifici relativi ad argomenti dettagliati, sotto la guida di un Topic Manager.

AM Testing ha risposto a 3 call for proposal (Call-13: SP1-JTI-CS-2012-03, Call 14: SP1-JTI-CS-2013-01, Call 15: SP1-JTI-CS-2013-02) lanciate da CSJTI nell'ambito del dimostratore SAGE.